Arbre Magique, il nuovo singolo di acate fuori l’8 ottobre

L’ 8 ottobre è uscito Arbre Magique, il nuovo singolo di acate, prodotto da Jurijgami (Auditoria Records) per Piuma Dischi/The Orchard. Il pezzo anticipa l’EP in uscita nel mese di dicembre.

“Mi guardo un po’ allo specchio, ma sto sempre sotto”, inizia così il racconto di questo elenco di difetti di Francesco Aiello, in arte acate, universitario e lavoratore di giorno, musicista e cantautore di notte.

I difetti – ci racconta – di norma non dovrebbero essere accettati, anzi andrebbero riconosciuti e rimossi (“vedi i miei sbagli in blu ray”). Invece, a me vanno bene, anche perché non posso farci nulla (“coccolo la sfiga ma mi lascia le dita”). “Quando mai non è ok” ripeto a me stesso a mo’ di presa per il culo. Però, alla fine, mi piace così: senza meta, perché siamo felici così e perché ciò che importa è che “ci amiamo tra mille detriti”.

 Insomma, quello che conta è amarsi. Dopo tutto quello che non va o che può accadere, cosa serve se non un sano amore per se stessi, che poi si riflette sugli altri? Guardiamo e consideriamo troppo un giudizio; ma un giudizio è un’opinione e null’altro.

BIOGRAFIA

Francesco Aiello, in arte acate, nasce a Milano il 6 agosto 1998 e cresce a Luino, nella provincia di Varese.

Apprende i primi rudimenti di pianoforte a otto anni e a dodici anni si appassiona alla danza contemporanea. Si avvicina alla musica rap grazie alla conoscenza di Fabio Caso, storico rapper della scena di Varese che ha collaborato con Fabri Fibra, Maxi B, Esa e tanti altri; viene coinvolto in diversi eventi dove ha la possibilità di esprimersi e conoscere altri cantanti e rapper più grandi, tra cui un caro amico, Lucio, con cui collabora.

Verso i quattordici anni si interessa alle produzioni e inizia molto presto a cimentarsi nel beatmaking, approcciandosi a diversi generi musicali – dal pop al cantautorato, dalla black music all’elettronica.

A diciannove anni conosce Alberto Rubino e Matteo Aldeni, con cui registra alcuni progetti pubblicati da indipendente presso il CFM Recording Studio di Barasso (VA) sotto il nome d’arte Phra. Aiello, cercando di fondere le origini da rapper con un mondo più urban e R&B.

Nel 2021 Francesco entra in Domino Management e Piuma Dischi, intraprendendo un nuovo percorso musicale e artistico sotto il nome di acate. Insieme a Jurijgami, artista e produttore comasco, arrangia e registra il suo primo EP negli studi di Auditoria. L’8 giugno esordisce con il brano Sorbonne, che entra subito in alta rotazione su Rai Radio 2 Indie. Successivamente pubblica, sempre per Piuma Dischi/The Orchard il singolo Livido Blu, brano fresco e leggero, che promuove la libertà di essere se stessi, di fare ciò che si ama, di essere felici secondo i propri canoni.

Previous post Il grande jazz dell’Atelier Musicale: l’omaggio a Bill Evans di Enrico Pieranunzi, Stefano Cantini e Maurizio Franco sabato 16 ottobre alla Camera del Lavoro di Milano
Next post #unafonotecapermilano, al via il crowdfunding dello Spazio Teatro 89 per condividere una collezione di 6.000 vinili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *