Letizya torna con Cielo, tra prigioni interiori e cuori rotti

Dopo il successo del precedente singolo Mostri, inserito in ben quattro playlist editoriali, torna Letizya con Cielo, una ballata indie pop che racconta cosa succede dopo la fine di una relazione, tra mare mosso e porte chiuse, tra prigioni interiori e cuori rotti, dove andare ai concerti rappresenta un balsamo per l’anima e l’acqua gelida sul viso il primo step per guardarsi allo specchio e capire che si può ricominciare. E se si prova per un attimo a chiudere gli occhi, all’ascolto di questo brano sembra proprio di essere proiettati in un live con l’arrangiamento studiato per battere le mani nel ritornello e accendere le torce dei cellulari per creare un’atmosfera intima e di condivisione.

Un arpeggio di chitarra elettrica introduce la prima strofa che mette in primo piano il testo, con il bianco e il nero dei giorni trascorsi dalla protagonista che si mischiano al grigio dell’autostrada e il blu del cielo che distrae come gli occhi di chi ci ha fatto innamorare e poi ha giocato con i nostri sentimenti. Sentirsi fuori posto è una sensazione comune, specialmente durante l’adolescenza, e molto frequenti sono le sbandate per una persona che si incontra. Letizya continua a descrivere la sua generazione con vicende quotidiane e una scrittura personale fatta di immagini semplici e cinematografiche che ci fanno immaginare scenari in cui poterci rispecchiare.

La produzione, sempre affidata alle mani di Davide Gobello, chitarrista, tra gli altri, di Fabrizio Moro, Loredana Bertè e Pierdavide Carone, contribuisce a rendere sempre più delineata l’identità artistica di questa giovane cantautrice. La copertina è realizzata, come per i due singoli precedenti, da Giorgia Malizia che ha proseguito l’immaginario visivo minimal, con il contrasto tra il titolo e l’immagine di una strada, a simboleggiare i passi da compiere per maturare e superare la delusione amorosa ancora cocente. 

«Cielo è un’altra pagina del mio percorso musicale, l’ho scritta perché ho sentito il bisogno di lanciare un messaggio: ricordarci di non evitare mai i propri sentimenti, anche se non sono ricambiati, perché solo lanciando il cuore oltre l’ostacolo si ritrova sempre la strada di casa. Meglio vivere di rimorsi che di rimpianti».

Ascolta Letizya e Cielo su Spotify

Segui Letizya su Instagram

Letizia Quattrucci, classe 2004, è una cantautrice originaria di Ceccano, in provincia di Frosinone. Inizia a cantare all’età di sette anni per poi presto imparare ad accompagnarsi con vari strumenti, dalla chitarra al pianoforte, fino a scoprire il basso e innamorarsene follemente. Dopo essersi fatta notare con una serie di cover molto apprezzate sul suo profilo Instagram, tra cui Ma tu di Comete, condivisa dallo stesso artista romano, pubblica il primo inedito nel 2020 dal titolo Battito. Nei mesi successivi va alla ricerca della propria identità artistica e scrive nuovi pezzi, accomunati da un linguaggio semplice e diretto, in cui racconta episodi autobiografici nascosti dietro a metafore e giochi di parole. Il primo di questi a essere stato pubblicato è Buonanotte, uscito il 7 gennaio e che ha sancito la nuova collaborazione con l’Elephant Studio di Davide Gobello. Il 24 febbraio è stata la volta di Mostri, brano che ha avuto subito un ottimo riscontro, dall’inserimento nelle playlist New Music Italia, Indie Triste, Scuola Indie e Equal Italia, fino all’anteprima del videoclip su Le Rane. Cielo è il nuovo tassello di questo suo nuovo progetto artistico e le sorprese non finiscono di certo qua. Stay tuned!

Tony Guido Tony Guido in Raggio di solein Raggio di sole Previous post Raggio di Sole: Toni Guido canta il singolo che colora l’estate
Next post “Nerodenso”, Kayla Trillgore ci porta nel suo rituale electro-doom

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *