Atelier Musicale: sulle tracce di Corto Maltese con il jazz di Giovanni Falzone e le fotografie di Pino Ninfa sabato 13 novembre alla Camera del Lavoro di Milano

MILANO – La multimedialità e il tema dell’avventura sono alla base del nuovo
appuntamento della XXVII stagione dell’Atelier Musicale, la rassegna in equilibrio tra jazz,
classica e suoni contemporanei organizzata dall’associazione culturale Secondo Maggio.
Ideata come un omaggio a Hugo Pratt, l’autore del celeberrimo personaggio di Corto
Maltese, questa proposta costituisce l’ultimo progetto – una performance che unisce la
musica alla fotografia – di Pino Ninfa, maestro dell’obiettivo di livello internazionale, che fa
parte della sempre più rara pattuglia dei fotografi d’avventura.
Di origine catanese, Ninfa è partito dall’ambiente dello spettacolo per poi affrontare la
documentazione artistica di luoghi e persone colti in molteplici e avventurosi viaggi intorno
al mondo. Sabato 13 novembre, alla Camera del Lavoro di Milano (ore 17.30; ingresso
10 euro con tessera associativa a 5/10 euro), insieme al fotografo siciliano saranno
protagonisti il trombettista Giovanni Falzone e il batterista Alessandro Rossi, che
svilupperanno le loro improvvisazioni (su composizioni quasi tutte del del primo)
ispirandosi alle immagini di Pino Ninfa, proiettate nel corso del concerto.
Giovanni Falzone è una delle figure di punta del jazz italiano contemporaneo: grande
strumentista di doppia formazione (jazz e classica), compositore originale e direttore
d’orchestra, nonché improvvisatore fantasioso e imprevedibile, vanta un palmarès
internazionale di alto profilo. Dal canto suo, Alessandro Rossi è uno dei più interessanti e
versatili esponenti dell’ultima generazione di batteristi italiani.
La struttura del concerto prevede la suddivisione degli interventi musicali e la proiezione
delle fotografie per gruppi omogenei, in altrettanti capitoli pensati per comporre un viaggio
immaginario, come immaginari sono i viaggi di Corto Maltese, il flemmatico marinaio e
romantico sognatore uscito dalla matita di Pratt. Dagli scorpioni del deserto all’Argentina
del tango, dall’Etiopia a Cuba, dagli Stati Uniti a Venezia, il percorso vivrà del rapporto con
la musica, come tante volte è avvenuto nei progetti di Pino Ninfa, che nel corso della sua
carriera ha realizzato performance multimediali con Enrico Intra, Stefano Bollani, Danilo
Rea, Paolo Fresu, Gavino Murgia, Luciano Biondini e molti altri jazzisti italiani.

Sabato 13 novembre, ore 17.30 – Atelier Musicale, XXVII stagione
Falzone-Ninfa-Rossi
Sulle tracce dell’avventura – Omaggio a Corto Maltese

Giovanni Falzone (tromba, live electronics), Alessandro Rossi (batteria), Pino Ninfa
(immagini).
Programma:
G. Falzone: Pianeti affini; Hypnotic Waltz; L’albero delle fate; A Ovest di Eden; Laila; Blues For
Louis; Freak Folk; Black Walk.
M. Portal: Mozambique.
G. F. Haendel: Prima ch’io pianga
Conduce Pino Ninfa.

Previous post H.E.R. – R O M A (il nuovo singolo)
Next post Roberto Quassolo, fuori il video del singolo “La quinta stagione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *