“Ehi sai cosa c’è” è il singolo di Erik scritto per la colonna sonora del film “E buonanotte”

Arriva in radio e nei digital store Ehi sai cosa c’è, nuovo singolo di Erik, prodotto da Franco Eco e scritto per la colonna sonora del film E buonanotte di Massimo Cappelli.

Si tratta di un brano ispirato completamente dalla visione del film e, come tutti gli altri brani scritti dall’artista, ha molteplici chiavi di lettura. In questo caso si tratta di una canzone che vuole portare leggerezza, spensieratezza.

Il video ufficiale è diretto da Francesco Siciliano. “Richiama alla mente l’estate, la voglia di scappare dalla quotidianità, la voglia di divertirsi. Il video vede alternate le scene del film a quelle della mia festa di compleanno, in cui abbiamo colto l’occasione per far ascoltare in anteprima il brano e appunto girare qualche scena”, dichiara lo stesso artista.

Giuseppe Stalfieri, in arte Erik, nasce nel maggio del 1998 in un piccolo paesino di 5000 abitanti della Basilicata, Francavilla in Sinni.

Si avvicina sin da subito alla musica grazie a suo nonno che lo porta con sé nella banda musicale del suo paese. Da lì inizia a suonare il sax contralto.

Decide, in seguito, di accorpare alla musica un’altra sua passione, la poesia. Così, nel 2009 nasce ERIK. Inizia gli studi al Saint Louis College of Music di Roma nel 2018 scegliendo come indirizzo canto Pop dove impara a suonare anche il pianoforte. Erik inizia a collaborare con il Mº Franco Eco alla produzione del suo primo disco ufficiale, ancora in lavorazione.

In questo disco è presente il singolo “Bonjour“, brano che verrà inserito nella colonna sonora, prodotta da Franco Eco, nel film Codice Karim di Federico Alotto, prodotto da RAI Cinema e Lime Film e successivamente partecipa con un altro brano “Ehi sai cosa c’è” al film “E buonanotte” di Massimo Cappelli. “Bonjour” raccoglierà, poi, anche una candidatura ai David di Donatello.

Previous post Serena Celeste: disponibile l’album “Nel mio disordine trovo sempre tutto” anticipato dal brano “Il sole dentro”
Next post Paesaggio con stelle, al MAD Umbria Museum inaugura la mostra dell’artista Antonio Capaccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.