NFT news – Immaterial body: la nuova collezione di Cristina Vitan e Jacopo Menconi.

È uscita la nuova collezione Immaterial Body: l’unione tra fisico e virtuale, tra body art e arte digitale, attraverso una serie di 10 Opere NFT di Cristina Vitan e Jacopo Menconi. Su OpenSea.io

Il fenomeno NFT è esploso negli ultimi mesi, e l’interesse verso i non-fungible tokes è ora alle stelle. La velocità con cui il mercato degli NFT si è espanso e si sta continuamente allargando ha lasciato tutti sorpresi.

Dopo che un’opera NFT è stata messa all’asta per ben 69,3 milioni di dollari il mercato ha iniziato a conquistare non sono solo personaggi famosi come Justin Bieber, Eminem e Madonna ma sta ormai raggiungendo una larghissima schiera di collezionisti di tutto il mondo e diventando un vero e proprio status symbol.

Ma non è solo una questione di status symbol; la cosa più allettante e concreta degli NFT è il loro potenziale di redditività.  L’opportunità di guadagnare una grande fortuna sta spingendo sempre più persone a investire negli NFT costruendo un portafoglio diversificato di investimenti supportato da transazioni sicure e affidabili. La tecnologia blockchain, infatti, consente ai collezionisti di avere una prova sicura di autenticità e originalità e tutela da qualsiasi tipo pirateria o azione illegale. 

Ma come scegliere che cosa acquistare? Cercando artisti innovativi, con contenuti e idee artistiche di spessore e in crescita.
In questo contesto ben si inserisce la collezione di NFT Immaterial Body.

Immaterial Body vuole esaltare l’unione tra fisico e virtuale, tra body art e arte digitale, attraverso una serie di 10 opere su OpenSea.io

Una importante collezione nata dall’interazione tra la realtà reale delle opere dal carattere provocatorio di Cristina Vitan che guidano verso una riflessione pragmatica del nudo femminile, e la loro rinascita attraverso la realtà digitale grazie ad un’esperienza phygital di Jacopo Menconi, figura impegnata sia in ambito musicale che nell’ambito della digitalizzazione e della sperimentazione tecnologica.

Nelle opere il corpo, in particolare il seno femminile, mezzo dì espressione dell’artista, rimane il protagonista diventando però spunto di riflessione sulla crisi della nostra società.

Dalle tele nascono le opere in 3D con alcune opere che rimandano in modo evocativo alla cultura classica antica rivista e attualizzata. Opere dai cui nascono tre busti che rappresentano il corpo dell’artista che diventa metafora della figura femminile che viene trasportata in una dimensione oltre il fisico trasformandosi così in materia non tangibile.

In chiave ironica il messaggio della collezione è stimolare la riflessione sui problemi sociali, politici ed economici del nostro secolo anche attraverso volti di personaggi politici internazionali e simboli del consumismo moderno come la Coca Cola, Mastercard.

Una collezione di NFT di alto spessore artistico, oggi disponibili sulle una delle principali piattaforme online di arte digitale.

Link: https://opensea.io/CRISTINAVITAN
Cristina Vitan e Jacopo Menconi: https://www.cristinavitan.it

INFO
Paolo Milani
Egeria – Sezione Cultura
info@egeria.cloud

Previous post “Biliardino” il nuovo EP di Bonifax tra reggae e raggamuffin
Next post “Nudi in spiaggia”, il singolo di debutto per era505

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.