SLVTR & NEBBIA presentano “Sangu Miu” feat. EliaPhoks

SLVTR torna dal 20 gennaio su tutte le piattaforme digitali con il suo nuovo singolo dal titolo “SANGU MIU” feat EliaPhoks ed in collaborazione con il talentuoso producer Nebbia. Il brano è pubblicato dall’etichetta discografica lombarda Evox3music e distribuito da Believe Music Italia
 

“SANGU MIU” rappresenta il punto di partenza di una progettazione più ampia e strutturata che darà alla luce ad una successione di release durante tutto il 2023 e che, oltre a permettere al pubblico di scoprire il nuovo percorso di SLVTR, vedrà protagonisti, al fianco del poliedrico artista, anche diversi nomi di rilievo della scena urban nazionale.
 

In questo primo singolo l’artista siciliano racconta la storia di una  relazione sentimentale tormentata ed appassionata tra due persone dalle personalità profondamente contrastanti. Nonostante la loro apparente incompatibilità di indole, l’intensità del sentimento e della passione li lega indissolubilmente. Da questa narrazione nasce il titolo del brano, “sangu miu”espressione del dialetto siciliano che indica, in funzione metaforica, l’assoluta visceralità di un legame.
 

“SANGU MIU” con la sua curatissima produzione, realizzata dallo stesso artista a quattro mani  con il producer Nebbia, vanta una cifra stilistica innovativa ricca di contaminazioni tra sound differenti che riesce a posizionarsi fuori dalle etichette di genere. Sul trascinante ritmo del brano le liriche di  SLVTR ed EliaPhoks trovano la perfetta cornice e riescono a catturare completamente l’ascoltatore nell’atmosfera immersiva del brano.

Il singolo, “SANGU MIU”, è inoltre accompagnato da un videoclip visual, prodotto e diretto dalle stesso SLVTR, e disponibile su YouTube dalle ore 14 di venerdì 20 gennaio

Mix e Master del brano, artwork e grafiche del progetto sono  interamente a cura di SLVTR

Previous post Chandelier Music presenta Secco featuring Nerone “Bag Boy”
Next post TOP JAZZ 2022 – L’Artchipel Orchestra di Milano votata miglior gruppo italiano dell’anno nel referendum della rivista Musica Jazz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *